Scienze politiche L36 A.A. 2015-2016

Obiettivo generale del corso è l’acquisizione di competenze utili per comprendere le dinamiche politico-istituzionali, giuridiche, economiche e sociali nelle società contemporanee.

Particolare rilievo viene attribuito alla padronanza di strumenti teorici e metodologici atti a:

  1. analizzare e interpretare strutture istituzionali, regole formali e processi decisionali all’interno dei sistemi politici contemporanei, nella loro evoluzione storica e in prospettiva comparata, con particolare riferimento al contesto europeo e internazionale;
  2. approfondire le tematiche connesse ai processi di formazione ed attuazione delle politiche pubbliche all’interno degli apparati amministrativi dello stato e nelle istituzioni sovranazionali;
  3. approfondire con appropriati strumenti di analisi i processi politici, focalizzandosi sugli elementi storici alla base dei modelli di governo adottati, sulle caratteristiche sociali, politiche, economiche e giuridiche che ne determinano l’attuale configurazione.

Le discipline storiche, economiche, giuridiche, politologiche e sociologiche costituiscono la base culturale condivisa da tutti gli iscritti: nel biennio comune, gli studenti acquisiscono competenze di base e caratterizzanti in senso marcatamente interdisciplinare e su di esse innestano le conoscenze più specifiche previste durante il terzo anno di studi, sulla base curriculum prescelto fra i cinque previsti.

  1. Il curriculum economico permetterà di acquisire le conoscenze analitiche e i modelli teorici fondamentali per capire gli equilibri e i processi di cambiamento negli assetti economici. Ciò consentirà di comprendere i meccanismi economici e finanziari delle società contemporanee e dei suoi attori istituzionali a livello nazionale e internazionale.
  2. Il curriculum giuridico permetterà di acquisire le conoscenze analitiche e i modelli teorici necessari per capire gli equilibri e i processi di cambiamento negli assetti organizzativo-istituzionali. Ciò consentirà di comprendere i meccanismi dei processi decisionali nelle istituzioni nazionali, sovranazionali e internazionali, con particolare riferimento alle pubbliche amministrazioni, alle imprese private e alle organizzazioni no profit.
  3. Il curriculum internazionale permetterà di affinare la capacità di comprendere e analizzare criticamente le caratteristiche, le dinamiche e lo sviluppo delle relazioni istituzionali e politiche tra le organizzazioni statali nel contesto dell’Unione Europea e nello scenario internazionale. Lo studio di tali processi permetterà di cogliere nelle sue molteplici sfaccettature la dimensione delle relazioni internazionali al fine di confrontare e sviluppare soluzioni e risposte innovative alle sfide connesse all’attività delle istituzioni pubbliche e private e di tutti gli attori che operano in tale contesto.
  4. Il curriculum sociologico permetterà di acquisire le conoscenze analitiche e i modelli teorici necessari per comprendere gli equilibri e le trasformazioni in atto negli assetti fondamentali delle società contemporanee, con particolare attenzione ai processi di sviluppo. Lo studio di tali processi consentirà di acquisire significative competenze nella analisi delle determinanti dello sviluppo umano in particolare nelle sue dimensioni sociali, educative, economiche, politiche e territoriali.
  5. Il curriculum storico-politico permetterà di acquisire le conoscenze analitiche e i modelli teorici necessari per comprendere gli equilibri e i processi di cambiamento negli assetti fondamentali dei sistemi politici e istituzionali. Lo studio di tali processi consentirà di cogliere nelle sue molteplici sfaccettature – filosofiche, storiche ed economiche – la reciproca influenza tra elaborazione teorica ed esperienza storica nello sviluppo della dimensione politica e istituzionale contemporanea.

Presidente del consiglio aggregato del corso di laurea in Scienze politiche, internazionali e dell’amministrazione è la prof.ssa E. Dundovich.