Seminario “Giornalismo ibrido. Come cambia la cultura giornalistica italiana” – 6 maggio 2019

Lunedì 6 maggio 2019, ore 17:30, aula N2 Polo didattico delle Piagge, il prof. Sergio Splendore, Università degli Studi di Milano, e la prof.ssa Roberta Bracciale, Università di Pisa,  terranno il seminario dal titolo “Giornalismo ibrido. Come cambia la cultura giornalistica italiana” nell’ambito del corso di Sociologia dei Nuovi Media.

Maggiori informazioni sul sito web del MediaLaB Unipi.

Download della locandina

Presentazione del progetto “Cronache Ribelli” – 10 Aprile 2019

Mercoledì 10 Aprile alle ore 12.15, presso il Polo Piagge (Aula O2), si terrà la presentazione del progetto “Cronache Ribelli” nell’ambito del Corso di Comunicazione Politica del prof. Massimiliano Andretta. Introduce Paola Imperatore, discutono Alessandro Breccia e Vanessa Corrado.

Il progetto si propone di narrare la Storia dal punto di vista dei soggetti oppressi e subalterni, tradizionalmente esclusi dai manuali di storia. Per fare questo, gli storici che hanno dato vita al progetto, hanno scelto di usare nuove forme comunicative, dai social network ai giochi di ruolo, stimolando così un fertile e interessante dibattito.

Download della locandina

Seminario “Dalla comunicazione politica alla politica pop” – 20 marzo 2019

Mercoledì 20 marzo dalle 15.45 alle 17.15 presso il Polo Piagge (aula N2), il prof. Gianpietro Mazzoleni (Presidente dell’Associazione Italiana di Comunicazione Politica) terrà il seminario dal titolo “Dalla comunicazione politica alla politica pop“.

Il prof. Gianpietro Mazzoleni ha contribuito alla definizione di concetti di fondamentale importanza per comprendere la comunicazione politica, quali mediazation of politics“, “politica pop” e “media populism“.

Quando la televisione ha scoperto che la politica può fare audience, e i politici hanno capito di poter raggiungere il vasto pubblico adattandosi alle logiche dello spettacolo, è nata la politica pop: un «ambiente mediale» scaturito dal collasso di generi televisivi e costumi sociali invecchiati, in cui politica e cultura popolare, informazione e intrattenimento, comico e serio, reale e surreale si fondono in una nuova miscela espressiva (Mazzoleni & Sfardini, 2009).