Salvo eccezioni, il bando per l’ammissione al Dottorato di Ricerca in Scienze Politiche è di norma pubblicato tra la fine di aprile e gli inizi di maggio. La procedura di selezione ha luogo tra giugno e luglio; o al massimo entro la metà di settembre. Tutte le informazioni in merito saranno consultabili presso i canali dell’Ateneo.

I candidati devono aver conseguito una laurea magistrale (o titolo equipollente), presentare un progetto di ricerca articolato e convincente, dimostrare padronanza dei temi attinenti al proprio ambito di ricerca e una buona conoscenza della lingua inglese.

Il Dottorato ha a disposizione quattro borse di Ateneo, un posto senza borsa ed eventuali borse premiali o finanziate da enti esterni o cofinanziate. Tuttavia, il numero di studenti ammessi al Corso di Dottorato varia di anno in anno a seconda del numero di borse disponibili e dei risultati delle selezioni.

La selezione dei candidati avverrà sulla base della valutazione di:

  • un curriculum accademico (media degli esami, voto finale di laurea, premi e riconoscimenti ottenuti) e scientifico (pubblicazioni, borse di studio o di ricerca, stage etc.);
  • un progetto di ricerca attinente ai settori scientifico-disciplinari del Dottorato;
  • un colloquio che verterà sul progetto e sugli interessi di ricerca del candidato.

I candidati possono essere ammessi in qualsiasi momento come studenti in sovrannumero se dispongono di una borsa finanziata dall’Unione Europea o, nel caso di cittadini extracomunitari, dal Paese di origine.

Per ulteriori informazioni riguardo alle normative, si rimanda al regolamento del Dottorato in Scienze Politiche e al regolamento del Dottorato di Ateneo.